Dentista Alessandino Centocelle


Studio Dentistico Dr. David Casafina
Vogliamo vedervi sorridere

Filler peroriali, Implantologia, Trattamenti sbiancanti, Ortodonzia, Odontoiatria Pediatrica, Parodontologia, Endodonzia, Protesi, Chirurgia, Igiene e Profilassi.
Roma - Alessandrino - Centocelle - Torrespaccata



ENDODONZIA

L'endodonzia è la parte dell'odontoiatria che tratta prevenzione, diagnosi, cura delle malattie e lesioni della polpa dentaria.

Cos'è la cura canalare
La cura canalare (detta anche trattamento endodontico o devitalizzazione) consiste nella rimozione della polpa dentale e dei residui batterici dall'interno del canale radicolare, disinfezione e allargamento (alesatura) dello stesso e successivo riempimento con materiale inerte, in modo da evitare la proliferazione dei batteri al suo interno.
Con la cura canalare denti anche molto danneggiati, possono essere salvati evitando di essere estratti.

Perchè è necessaria la cura canalare?

Quando il dente è danneggiato da carie profonde, traumi o altre cause, i batteri e le loro tossine possono penetrare nella polpa dentale provocando un'infiammazione che può essere molto dolorosa (pulpite) e portare a perdita di vitalità del dente. Se questa situazione, non viene trattata con cura canalare, può formarsi un'infiammazione alla punta o apice della radice del dente, accompagnata da dolore e gonfiore (ascesso).

Cosa aspettarsi dalla cura canalare:

Tra una seduta e l'altra di cura canalare possono comparire sensibilità e leggero gonfiore, normalmente risolvibili con farmaci analgesici. Questa dolorabilità del dente è possibile e non deve spaventare. Il dente può risultare sensibile anche alla pressione masticatoria. Se compare un forte gonfiore intorno al dente, conviene contattare il dentista, che potrebbe prescrivere un farmaco antibiotico.
Finchè la cura non viene completata e il dente ricostruito, evitare cibi troppo duri che potrebbero provocarne la frattura.
Sensibilità alla percussione o alla masticazione possono durare anche per qualche settimana dopo che la cura è stata terminata.
Nei casi in cui i sintomi persistano più a lungo, può essere necessaria una rivalutazione del dente.
Anche se il trattamento di cura canalare ha una percentuale di successo molto alta, vi sono casi in cui complicazioni, come infezioni dopo la cura, richiedono ulteriori trattamenti o addirittura l'estrazione del dente.
Un dente trattato con la cura canalare è più fragile di un dente vitale, per cui molto spesso richiede l'inserimento di un perno di rinforzo all'interno della radice, e sovente anche di essere ricoperto con una capsula per evitare fratture.

Curiosità sulle terapie endodontiche (Cure Canalari)

E' dolorosa la cura canalare?
Con l'impiego dei comuni anestetici locali, la cura canalare è indolore durante il trattamente non si sente niente. Nei casi più gravi, soprattutto in situazioni dentali trascurate, l'intervento d'urgenza può essere fastidioso, ma si tratta di casi tutto sommato rari. La routine endodontica è fatta di interventi indolori, soprattutto se sono interventi endodontici programmati. Al risveglio dell'anestesia può comparire un fastidio post-operatorio che scompare in pochi giorni.

Si può eseguire una cura endodontica su un dente già devitalizzato?
La cura canalare di un dente già devitalizzato prende il nome di ritrattamento endodontico o ritrattamento canalare. Ad esempio, se un dente già devitalizzato manifesta, ad una radiografia di controllo, una rarefazione attorno alla radice, il dente deve essere ritrattato, cioè bisogna rifare la cura canalare. All'indagine radiografica si può evidenziare quello che comunemente viene chiamato granuloma dentario, una zona di reazione ossea attorno alla radice del dente stesso, frequentemente sulla punta della radice (apice radicolare). Il ritrattamento canalare prevede la riapertura della camera pulpare, il sondaggio-detersione-pulizia dei canali radicolari, il raggiungimento dell'apice radicolare e la chiusura completa dei canali fino all'apice.

Si può eseguire la cura canalare di un dente incapsulato?
In linea generale si può trattare endodonticamente il dente incapsulato. La cosa migliore è rimuovere la capsula o il ponte, eseguire il trattamento o ritrattamento canalare, e poi ricementare la capsula rimossa. Se la rimozione risulta impossible ad eseguirsi, la soluzione può essere la perforazione della capsula stessa e l'esecuzione delal cura canalare attraverso la capsula. Al termine della cura canalare la capsula può essere otturata, alla stregua di un dente naturale. Oppure si eseguire un intarsio per la chiusura della cavità di accesso endodontico. Se è stato inserito un perno radicolare nella radice del dente, è necessario prima rimuoverlo, per poter effettuare la cura canalare. Se non è possibile rimuovere il perno radicolare o se la sua rimozione è a rischio di frattura per la radice del dente, si interviene per via retrograda. Si eseue cioè un intervento diretto all'apice della radice, una sorta di piccolo intervento chirurgico che cura l'apice della radice e consente di non estrarre il dente. Questo intervento si chiama apicectomia.

Che strumenti utilizza il dentista per eseguire la cura canalare?
L'odontoiatra utilizza una strumentazione molto sottile per sondare-pulire-allargare i canali radicolari. Sono così sottili che sembrano aghi. In questo Studio si utilizza strumentazione rotante ad alta tecnologia, fatta in Nickel-Titanio, che consente di velocizzare i tempi di lavorazione e ridurre i fastidi al paziente. Dopo aver sondato manualmente con un "file", inizia l'utilizzo di strumentazione rotante, con l'aiuto di appositi manipoli ridotti. Tra uno strumento e l'altro il dentista effettua una irrigazione dei canali radicolari, aiutandosi nella detersione e nella disinfezione con liquidi contenenti ipoclorito, perossido di idrogeno, EDTA a seconda del caso. Quando il lavoro preparatorio è finito, asciuga i canali con dei coni di carta e procede al riempimento dei canali radicolari.

Con cosa vengono riempiti i canali radicolari?
All'interno del canale radicolare l'odontoiatra inserisce del CEMENTO CANALARE, un composto fluido che indurisce completamente nelle ore successive all'intervento endodontico. Nel cemento ancora morbido, inserisce dei coni di GUTTAPERCA; questi sono dei bastoncini molto sottili, di forma conica, fabbricati con una materiale termoplastico resinoso. Li compatta ben bene all'interno del canale radicolare per sigillare l'apice della radice e per riempire completamente lo spazio endodontico radicolare. Dopo di che, in genere esegue una radiografia post-operatoria, per controllare il suo operato.

E' più fragile un dente devitalizzato? Quanto dura dopo la cura?
Un dente devitalizzato tende ad essere più fragile di un dente normale. Dato che il dente naturale è fatto per rimanere vitale durante tutta la sua vita funzionale, la cura canalare in qualche modo altera l'anatomia del dente vitale. Infatti il dente devitalizzato sembra quasi disidratarsi con gli anni, divenendo più fragile. Ricordiamo che perde il contenuto vitale che è costituito dalla polpa dentaria. Per questa ragione i denti devitalizzati vengono spesso rinforzati con l'inserimento di un perno radicolare: cioè si inserisce un perno nella radice per dare maggior robustezza al dente stesso. Per il medesimo motivo alcuni denti devitalizzati vengono incapsulati. Anche in assenza di sintomi, possono comparire dei granulomi, cioè delle reazioni infiammatorie croniche nella zona esterna alla radice del dente. In questi casi si può tentare un ritrattamento canalare, oppure eseguire una apicectomia.

Come si riconosce un dente devitalizzato?
Spesso è impossibile riconoscere esternamente un dente devitalizzato. Talora il dente può subire una variazione cromatica, cioè tende a diventare grigio, ma non è sempre così. Il metodo per riconoscere un dente devitalizzato è una radiografia dentale. I dentisti riconoscono il dente devitalizzato perchè la radice è "bianca" nell'immagine radiologica. Nell'immagine di sinistra il dente centrale è ancora vitale, ma il paziente aveva un forte dolore causato da una pulpite acuta. Il dente è stato devitalizzato, e il paziente non ha più avuto dolore dentale. Nell'immagine di destra si può vedere il dente trattato endodonticamente. Lo si può riconoscere dal materiale canalare (cemento canalare e coni di guttaperca) inserito nei canali radicolari, dei quali ora si intravvede l'anatomia. Il materiale si evidenzia nell'immagine radiografica perchè è più chiaro della radice, in quanto radiopaco.






Torna su      

Possibilità di finanziamento a Tasso Zero
Puoi iniziare le tue cure dentali e pagare in assoluta calma con comode rate mensili. Le pratiche per i finanziamenti, anche a tasso zero, possono essere svolte presso il nostro studio.
Contattaci per saperne di più.


Studio Dentistico convenzionato con:

Studio Dentistico convenzionato con Unisalute Unipol        Studio Dentistico convenzionato con Previmedical        Studio Dentistico convenzionato con ProntoCare


© Dr. David Casafina - via del Campo, 44/D - 00172 - Roma - P.IVA 06871451008
Informazioni legali | Termini e Condizioni | Privacy | Cookies


powered by SitoFelice.it - Creazione Siti Web - Roma