Dentista Alessandino Centocelle


Studio Dentistico Dr. David Casafina
Vogliamo vedervi sorridere

Filler peroriali, Implantologia, Trattamenti sbiancanti, Ortodonzia, Odontoiatria Pediatrica, Parodontologia, Endodonzia, Protesi, Chirurgia, Igiene e Profilassi.
Roma - Alessandrino - Centocelle - Torrespaccata



Struttura Dentale

Corona
È possibile attuare una sommaria, ma utile suddivisione, tra:
  • corone a forma di scalpello (incisivi)
  • corone a punta o monocuspidate (canini)
  • corone con cuspidi (2 per i premolari e 4 per i molari)
La differenza macroscopica nella forma della corona dei differenti elementi dentali è data dai diversi compiti che devono assolvere: gli incisivi servono per tagliare il cibo, i canini per azzanna­re (anche se, nell'uomo, hanno evidentemente per duto tale funzione e si sono anche modificati nel tempo), i premolari e i molari per triturare.

Indipendentemente dalla forma in ogni coro na è possibile distinguere 5 diverse superfici:
  • superficie masticatoria: è rappresentata dalla superficie che va in contatto con i denti dell’arcata antagonista; viene detta anche super ficie occlusale ed è rappresentata, nei premo lari e molari dal tavolato occlusale dal quale emergono le cuspidi, nei canini e negli incisi vi dal margine incisale tagliente
  • la seconda superficie è quella vestibolare (o labiale per incisivi e canini perché a contatto con le labbra, buccale per premolari e molari per ché a contatto con le guance)
  • la terza è quella opposta, rivolta verso la lingua e si chiama, per l'appunto, superficielinguale (o orale o palatale per i superiori)
  • la quarta e la quinta sono le due superfici che sono in contatto con i denti vicini (eccezion fatta per la superficie distale dell'ultimo mola re) e sono:quella che guarda verso la metà della bocca, verso la linea ideale che divide uno dall'altro i due incisivi centrali, poiché è rivolta verso la linea "mediana", si chiama superficie mesiale, quella rivolta verso la parte più lontana, più "distante" si chiama superficie distale.
Radice
Le radici possono essere tre, due o una sola.
I denti con una sola radice sono detti monoradi­colati:
  • incisivi centrali (superiori e inferiori)
  • incisivi laterali (superiori e inferiori)
  • canini (superiori e inferiori)
  • premolari inferiori (primi e secondi)
  • secondo premolare superiore (generalmente)
I denti con due radici sono detti biradicolati:
  • primi premolari superiori
  • primi, secondi e terzi (denti del giudizio) mola ri inferiori
I denti con tre radici sono detti pluriradicolati:
  • primi, secondi e terzi (denti del giudizio) mola ri superiori
Naturalmente queste suddivisioni sono sche matiche: come spesso avviene, la natura è molto più complessa di quanto appaia a una visione superficiale.
Accade così con relativa frequen za che il secondo premolare superiore o che un canino inferiore abbiano due radici, oppure che un dente del giudizio (terzo molare) ne abbia sola mente una poiché le tre radici sono fuse in un unico fittone.
È importante ricordare che il numero delle radi ci non corrisponde, obbligatoriamente, al numero dei canali endodontici.
Nell'incisivo centrale superiore, ad esempio, è raro trovare due canali, ma è abbastanza comu ne che il canale si divida in due rami alcuni mil limetri prima dell'apice.
È invece molto frequente che il secondo premolare superiore abbia due canali, magari comunicanti, a forma di biscotto "pavesino".
E molto frequente che i molari superiori abbiano 4 canali, benché abbiano solo 3 radici, così come è la norma che i molari inferiori abbiano almeno 3 canali, pur avendo solo due radici.






Torna su      

Studio Dentistico convenzionato con:

Studio Dentistico convenzionato con Unisalute Unipol        Studio Dentistico convenzionato con Previmedical        Studio Dentistico convenzionato con ProntoCare


© Dr. David Casafina - via del Campo, 44/D - 00172 - Roma - P.IVA 06871451008
Informazioni legali | Termini e Condizioni | Privacy | Cookies


powered by SitoFelice.it - Creazione Siti Web - Roma